Tu sei qui

Pittori per la Pace

Pittori per la Pace

La collezione nasce dall'idea del Comune di Torre Canavese, in collaborazione con la Galleria d’Arte d’Antiquariato Datrino, di invitare artisti di ogni nazione del mondo per dipingere soggetti e temi che riflettessero gli usi, i costumi e le tradizioni dei rispettivi popoli e culture di riferimento.

Le opere realizzate sono state donate al Comune di Torre Canavese e oggi sono, in parte, esposte a cielo aperto sulle case della cittadina e, in parte, conservate presso la Pinacoteca Raissa Gorbaciova di Torre Canavese, inaugurata nel 2003 alla presenza del Presidente Michail Gorbaciov, dove è possibile visionarle la domenica e i giorni festivi dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

Le opere sono state eseguite da artisti provenienti dalle 15 ex Repubbliche che costituivano l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (Russia, Bielorussia, Azerbaijan, Georgia, Kazakistan, Tagikistan, Turkmenistan, Armenia, Kirghisistan, Ucraina, Moldavia, Estonia, Lettonia, Lituania, Uzbekistan), dalla Cina, Germania, Sud Africa, Francia, Siria, Iran, Palestina, Israele, Giordania. Alcune opere sono state invece realizzate dagli artisti canavesani, dai Maestri di Torino, dagli Allievi delle Accademie delle Belle Arti di Roma, Firenze, Napoli e Milano.

La Collezione conta oggi più di 500 opere, realizzate da oltre 250 artisti con l’impiego di tecniche pittoriche tradizionali e all’avanguardia e di molteplici materiali e supporti. Un patrimonio d’arte senza uguali in Italia che merita di essere conosciuto e riconosciuto per il suo valore intrinseco e per essere testimonianza storica e antropologica delle identità culturali europee e mondiali.    

Il Comune di Torre Canavese è da sempre impegnato nella salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, nella promozione del territorio, anche attraverso gli scambi culturali, e nella realizzazione di iniziative che alimentino la crescita e l’arricchimento della presenza turistica.

 

La collezione Pittori per la Pace è una risorsa che merita di essere condivisa in quanto bene collettivo e un omaggio dell’Europa al mondo per diffondere un messaggio di pace e integrazione.